4 Giugno 2019

Taverna stordisce l’Avigliano: steccata la prima di Fase Nazionale U 17

di Marcello Milazzo

Fasi Nazionali Under 17: V. Avigliano – Taverna 0-1

Parte degli spalti gremiti di Avigliano

Per poter affrontare la trasferta a Palermo, con chance maggiore, per la Virtus Avigliano di Tonino Summa, nell’impegno interno Under 17 delle Fasi Nazionali contro il Taverna, sarebbe stato utile un successo con due o più reti di scarto, in modo da avere poi due risultati utili da cercare in Sicilia (X2), o al limite non perdere, il che avrebbe consentito agli amaranto, di affrontare la trasferta successiva con l’obbligo di vincere con qualsiasi risultato possibile, mentre invece l’imprevisto 0-1 casalingo, costringerà i lucani, a tentare la missione impossibile di un successo esterno con il Calcio Sicilia, con almeno due reti di scarto.

Prisco manovra nella trequarti

Ma che di partita comunque complicata, si sarebbe trattata, in questa di domenica pomeriggio contro i calabresi, si era cominciato a desumere già dai primi minuti di gioco, quando dopo l’inizio più pressante dei lucani, la squadra ospite si era cominciata invece a sistemare bene sul terreno di gioco, non concedendo spazi alla manovra aviglianese, anche nel semplice ottenimento dei calci piazzati, in cui nel corso della stagione la formazione locale, ha sempre dimostrato di essere assai temibile.

M. Leone si appresta ad un traversone

Ma il lavoro di mantenimento della disposizione corta della squadra, da parte del suo bravo Mister Silvio Greco, è sembrato presto dare i suoi frutti, con l’undici calabrese sempre molto attento in marcatura e nella tattica del fuorigioco, e con i suoi terminali, che garantivano la costante pressione sui portatori di palla lucani, costringendoli soventemente all’affrettata trasmissione di palla, che riduceva così la tradizionale fluidità della manovra dei campioni regionali di Basilicata.

Cariati (T) smista sull’arrivo di Gala (V)

In disposizioni quindi così ingessate, visto che anche i lucani avevano scelto a priori, il più prudente schieramento iniziale del 3-5-2, naturalmente il match non ha vissuto di emozioni forti, in termini di palle goal e di concretizzazioni finali, sebbene la partita non ha mai mostrato di essere noiosa, visto che i ritmi si sono mantenuti alti, come le linee di pressing, per quasi tutto il corso dell’intero incontro.

Esultanza di Pedicone, dopo la sua rete del vantaggio al 48′

La soluzione sblocca match d’altro canto, non poteva che arrivare dalla singola fiammata, e ciò ha comunque arriso all’8′ della ripresa alla formazione ospite, e nella fattispecie al suo giocatore più in evidenza, ovvero il qualitativo esterno basso di fascia Pedicone, che sul lancio lungo effettuato da Martino, si è insinuato in area dal fronte sinistro della stessa, bruciando sullo scatto A. Carlucci, e poi lasciando partire un secco diagonale, che va ad insaccarsi preciso, nell’angolo più lontano.

L’undici del Taverna schierato ad Avigliano

La quadrata squadra campionessa di Calabria, tornando ai moduli ed agli schieramenti, era stata disposta al fischio d’inizio, con il 4-3-3, in cui in difesa i centrali Straface e Martino, venivano affiancati dai terzini Mirabelli e Pedicone, mentre a centrocampo dettava i tempi della manovra M. Leone, coadiuvato dagli interni Callegari ed E. Leone. In avanti creava spazio la possente prima punta Librandi, a cui venivano affiancati il creativo De Chiara, ed il talentuoso Cariati, che si alternava tra il ruolo di ala e quello di trequartista.

L’intera rosa della Virtus Avigliano U 17, nella foto di rito

La formazione di Tonino Summa, come già detto scendeva in campo invece con il 3-5-2, per dare più garanzie nella zona centrale dell’impianto difensivo, con il tridente A. Carlucci, Pace e Mecca, a presidiare la propria area. Nella linea a cinque di mediana, sugli esterni operavano D. Summa e Celentano, mentre accanto al pilone centrale Di Trana, si sistemavano Leone e Gala. Accanto alla prima punta Prisco quindi, veniva avanzato il dotato Damiano, assai spremuto però in questa fase della stagione (piena di convocazioni Lnd Nazionali per lui).

Conclusione di Pace al 14′ respinta da Prezioso

Per la pura cronaca, il primo tempo si riassume con qualche episodio di alterna provenienza, visto che 14′, da un calcio d’angolo calciato dalla destra da Gala, l’elemento in maggior spolvero nell’undici di casa, la palla dopo aver sorvolato la testa di Di Trana, arrivava sul fronte opposto a Pace, che seppur sbilanciato, riusciva lo stesso ad indirizzare di controbalzo verso la porta avversaria, ma il portiere Prezioso, non si faceva sorpendere e respingeva a terra.

Discesa di Damiano per linee oblique

Al 30′ si innesca l’atteso Damiano, che con uno dei suoi spunti di potenza, supera due avversari in velocità e giunge sul lato corto destro dell’area di rigore, da dove effettua un allettante cross verso il centro dell’area, dove all’altezza del dischetto, si erge il centravanti Prisco, che fallisce di un soffio l’impatto con la sfera, ricacciando in gola l’urlo dei suoi sostenitori.

Piattone di Di Trana al 45′, che terminerà alto

Nella ripresa riparte la Virtus Avigliano, che al 5′ cerca di capitalizzare una delle poche palle da fermo procuratesi, con uno schema su calcio d’angolo, che porta al cross di Leone verso il centro dell’area, dove si libera in posizione favorevole il mediano Di Trana, che cerca di appoggiare in rete di piatto, ma la sua traiettoria risulta alta, e supera di un metro la traversa di Prezioso.

Cariati (T) in anticipo su Leone (V)

Il gol predetto di Pedicone, giunto pochi minuti dopo, sembra però disinnescare la pericolosità dei padroni di casa in fase offensiva, facendo delineare comunque, segni di stanchezza, che rendevano la manovra meno fluida nella seconda parte dell’incontro, e permettendo così alla formazione ospite, di tenere la partita ed il vantaggio maturato, maggiormente sotto controllo, senza subire più particolari insidie alla propria porta.

Pedicone sfugge al controllo di Prisco

Al 40′ anzi, è proprio la squadra di Greco, a sfiorare ulteriormente la segnatura. Su una manovra di ripartenza difatti, un doppio rimpallo nei pressi della lunetta, finisce con il servire il solito Pedicone, defilatosi sulla destra dell’area, che dopo due passi veloci verso la porta, lascia partire un diagonale, che sfiora il palo di sinistra e termina la sua corsa oltre la linea di fondo.

D. Summa (V) ed E. Leone (T) in lotta sul pallone

A fine match, soddisfazione sulla sponde calabresi, anche se l’impresa esterna in terra lucana, non è bastata per accendere una fiammella di speranza per la qualificazione (nel primo match il Taverna fu sconfitto 0-2 in casa dal Calcio Sicilia), ma il dirigente cosentine Roberto Esposito, sottolineava la buona stagione della squadra, che ha ripreso per i capelli i Play Off, dopo essere stata in testa fino a Dicembre nel campionato d’Elite calabra, ma che ha superato i tre confronti diretti fino al titolo regionale. In terra lucana invece, dopo la sconfitta interna contro il Calcio Sicilia, l’obiettivo era quello di dimostrare di essere comunque una squadra solida e d’alto profilo, e ciò con la bella prova fornita ad Avigliano, corredata anche dal successo, è pienamento riuscito.

A. Carlucci anticipa un avversario

Meno soddisfatto Mister Tonino Summa, che rilevava rientrando per gli spogliatoi, come l’annata in via di conclusione, sia stata particolarmente usurante, per alcuni dei suoi ragazzi, chiamati a rispondere a continue convocazioni a livello nazionale, motivo comunque d’orgoglio per la società. La partita di oggi, è stata preparata ed approntata con la consapevolezza del valore dell’avversario già osservato nel precedente match di Montalto, e comunque l’atteggiamento dei ragazzi è sembrato quello giusto, ma non riuscendo però a capitalizzare le poche occasioni prodotte, è risaputo come si possa pagare dazio, in partite tirate come questa, come è purtroppo avvenuto oggi. Ma l’atteggiamento con cui si dovranno giocare le ultime carte in Sicilia, domenica prossima, dovrà comunque essere lo stesso, come d’altronde nel DNA delle formazioni amaranto.

Virtus Avigliano – Taverna 0-1 (0-0)

Avigliano: 1 Summa E., 2 Summa D., 3 Mecca, 4 Di Trana, 5 Carlucci A., 6 Pace, 7 Leone, 8 Gala, 9 Prisco (13 Sapio), 10 Damiano, 11 Celentano (19 Iorio); Altri in panchina: 12 Onorati J., 14 Carlucci R., 15 Onorati E., 16 Colangelo, 17 Finiguerra, 18 Iummati; Allenatore: Tonino Summa

Taverna: 1 Prezioso, 2 Straface, 3 Mirabelli, 4 Martino, 5 Cariati (19 Perugini), 6 Callegari, 7 Pedicone, 8 Librandi (11 Miceli), 9 Leone E., 10 De Chiara, 22 Leone M.; Altri in panchina: 12 Ferraro, 14 Frassia, 15 Lirangi; Allenatore: Silvio Greco

Arbitro: Fabio Luongo sez. Napoli; Guardalinee: Michele Saporito e Leandro Claps sez. Potenza

Rete: al 48′ Pedicone

Note: Cielo nuvoloso e clima mite; Spettatori: oltre 300; Ammonito: Mirabelli (T)

Lascia un commento