25 Ottobre 2020

Scanzano e Ferrandina verso il ritiro dalle competizioni Under Regionali

di Marcello Milazzo

Due annunci piuttosto perentori, sebbene originati da motivi diversi, quelli con cui le società sportive di Scanzano e Ferrandina, hanno comunicato la loro volontà di ritiro dai campionati Under Regionali, della stagione 2020/21, che per i vari slittamenti, dovuti alle incertezze delle vicende Covid 19, qui in Basilicata, non sono ancora ufficialmente partiti.

Ha cominciato difatti, la società Ferrandina, iscritta al campionato regionale Under 15, che dopo la fissazione della presunta data d’inizio delle gare, al weekend del 31 Ottobre/1 Novembre, ha emesso sul gruppo whatsapp di Calcio Giovanile della Basilicata, tramite il dirigente Fabio Sutera, un laconico annuncio di volontaria autosospensione cautelativa delle attività, per tutela della salute dei ragazzi e delle famiglie, e che nel caso fosse stata confermata così, la data di partenza dei campionati per il primo Novembre, la società sarebbe stata costretta alla rinuncia alla partecipazione al torneo.

Successivamente invece, dopo la pubblicazione dei due gironi dei campionati regionali U 17 ed U 15, e le polemiche alzatesi da parte di molte società, per via dell’additato mancato rispetto nella suddivisione dei due gironi delle due categorie, della logica della riduzione delle distanze di percorrimento, nelle varie trasferte, con raggruppamenti quindi, che non sembravano avessero una linea distributiva a carattere geografico e di aree di pertinenza, anche lo Scanzano, tramite il Pres. Salvatore Greco, nel gruppo Fb del nostro giornale, ha dichiarato il ritiro dalla competizione Under 17, a cui era iscritto.

La stessa società jonica difatti, aveva d’altronde già espresso ampiamente il suo parere, sulla suddivisione dei gironi, nel gruppo W. A., rimarcando come, invece di essere accoppiata, come avrebbe previsto la contingenza anti epidemiologica, a centri vicini, con la minore percorrenza chilometrica possibile, si sarebbe trovata nel suo girone, invece di vicine trasferte come quelle di Montalbano, Matera o Bernalda, evitabili tragitti di lunga percorrenza, come quelli di Picerno, Rionero o Lavello.

Certo comunque, che la probabile sospensione dei giochi a carattere dilettantistico, in tutto il territorio nazionale, prevista nel prossimo Dpcm, che tra poche ore sarà emanato, attenuerà di certo ogni tipo di polemica, e probabilmente consentirà di assegnare un po’ più di tempo a tutti, per rivedere programmi e posizioni, espresse in queste caotiche e tormentate ore.

Lascia un commento