3 dicembre 2018

Poker d’Asso nel derby regionale Under 17 contro l’Invicta

di Marcello Milazzo

Under 17 Regionali Basilicata: Asso – Invicta 4-2

Giganti (A) avanza inseguito da Leone (I)

Continua imperterrita la sua scalata di classifica, la solida armata dell’Asso Potenza di Mirko Lotito, che anche nell’atteso confronto del cosiddetto derby regionale, contro l’Invicta Matera di Stasolla (almeno per quelli che sono stati i parametri fino a qualche anno fa), non ha deluso le attese, facendo proprio l’incontro, con un perentorio poker finale, e soprattutto al termine di una prova, che ha ampiamente legittimato il risultato ottenuto sul campo, che gli ha permesso la conquista momentanea della vetta (poi il giorno dopo confermatasi tale, con l’effettivo sorpasso inflitto alla Virtus Avigliano, tornata perdente dalla trasferta di Picerno).

Ingresso in campo, al seguito dell’arbitro Santoro

L’impressione ricavata sul terreno di gioco del Principe di Piemonte, al cospetto di un’altra delle favorite di inizio stagione, è stata da parte della squadra minozziana Under 17, quella di un undici che gioca contestualmente di fioretto e d’intensità, per tutto l’arco degli ottanta minuti di gioco, affilando le armi nei momenti decisivi, e sapendo soffrire in altri frangenti di gioco, ed il tutto condito da un gioco arioso con trame veloci, che riescono a mettere in difficoltà svariati tipi di avversari.

Controllo di palla di Peluso, al limite dell’area di rigore

Forse nell’ambito della tenuta difensiva, testimoniato anche da un numero di gol subiti un po’ superiore alla media (16 reti al passivo), la squadra di Lotito mostra comunque di avere ancora qualcosa da affinare, ma la sua capacità offensiva e la sua padronanza delle trame, in termini di velocità e di recupero palla, riescono comunque ad essere una garanzia, portando al tiro durante ogni match, molti dei suoi giocatori, come evidenziato dall’alternanza dei realizzatori, negli score e nei tabellini marcatori dei potentini.

Albano in azione, da un’occhiata all’assetto della squadra

Di contro sul fronte dell’Invicta Matera di Stasolla, che nella trasferta dell’altro big match ad Avigliano, un mese e mezzo fa, aveva mostrato, nonostante l’immeritata sconfitta, meccanismi di gioco rilevanti, ed un organico assai compatto, stavolta è sembrata in casa dell’Asso Potenza, mancare quella compattezza del gruppo, con cui aveva iniziato la prima parte della stagione, giocando da Invicta Matera, alla pari degli avversari, solo nella prima mezz’ora di gara, ma poi spegnendosi, e riaccendendo la fiammella solo nell’ultima parte del match.

Petrara (I) e Rago (A) a caccia del pallone

Rendimento altalenante che oltre a caratterizzare la partita, sembra anche la fotografia del campionato attuale della compagine materana, bella solo a momenti, e con prestazione dei singoli, talvolta sopra le righe, ma altre volte invece assai sotto tono, rispetto alle aspettative ed alle potenzialità note. Questa alternanza di rendimento d’altronde, sta alla base di un campionato, nato sotto i riflettori, rispecchiando dapprima i favori dei pronostici, ma poi sviluppatosi appunto, con stop o ko talvolta del tutto imprevisti.

Nonostante tutto ciò, il derby regionale, regalando ben sei segnature, è stato gradevole sotto il profilo del gioco, anche se come detto, la superiorità dei padroni di casa, avvertita al Principe di Piemonte, non è stata mai veramente messa in discussione, per il 4-2 finale, che proietta come detto, la formazione minozziana, in cima alla classifica, con un primato conquistato d’altro canto, dopo due convincenti successi in due consecutivi confronti di livello: la vittoria in casa del Real Metapontino, ed appunto il successo suddetto contro l’Invicta.

Esultanza di Santarcangelo al 33′. dopo la rete del vantaggio potentino

Successo cominciatosi a maturare, dopo una prima mezzora equilibrata, al 33′ con il gol minozziano, nato da un errore di trasmissione della retroguardia avversaria, su cui si è prontamente inserito l’attaccante Santarcangelo, che giunto in breve nei pressi dell’area di rigore, un po’ defilato sulla destra, ha preso la mira, ed ha sparato una bordata in diagonale, che a traiettoria tesa, si è infilata nell’angolo sinistro, alle spalle del portiere Lovicario, che aveva preso da poco il posto dell’infortunato E. Carulli.

Giganti s’incunea in area, contrastato da dietro da Petrara

Il primo tempo però, terminava addirittura con la rete del doppio vantaggio della squadra di Lotito, siglata al minuto 40. L’azione in velocità era davvero molto bella, e vedeva un’incursione del prorompente Orsi, sul versante di sinistra, dove giunto quasi all’altezza dell’out, lasciava partire un cross teso ed alto, verso il centro dell’area di rigore, dove si ergeva di testa l’aitante Giganti, che inzuccava di precisione, scaraventando il pallone, nell’angolo sinistro, fuori dalla portata di Lovicario.

Duello di testa, tra Di Lecce (I) e Romaniello (A)

La formazione di Francesco Stasolla, aveva affrontato i primi quaranta minuti, con il modulo 4-3-1-2, che vedeva nel quartetto difensivo, la coppia centrale Leone e Bruno, affiancata dai due esterni bassi Petrara e D. Perrone. La mediana invece, era orchestrata da Plasmati davanti alla difesa, con Albano e Lasalvia (dalle diverse caratteristiche), a fungere da interni, mentre in avanti Di Lecce, giostrava leggermente alle spalle di Salluce ed Eletto, entrambi autori di una buona prova.

L’undici dell’Asso Potenza U17, sceso in campo sabato al Principe di Piemonte

Rispondeva dal suo fronte, l’Asso Potenza di Mirko Lotito, schierandosi con il 4-3-3, in cui sul fronte difensivo, orchestravano ai due lati i terzini Romaniello e Peluso, mentre al centro operavano Mecca e Vaccaro. Iniziatore della manovra di mediana, era Rago, fiancheggiato dagli insinuanti Somma ed Orsi, mentre nell’ambito offensivo, si alternavano spesso di posizione, i componenti del tridente, Giganti, Pasquariello e Santarcangelo, spine nel fianco della retroguardia materana.

Salluce in azione nel cerchio di centrocampo

Ritornando alla cronaca della ripresa, la reazione materana dei primi minuti, si concretizzava al 7′, quando un’azione veloce sulla trequarti, vede Lasalvia trovare un corridoio in diagonale, servendo Salluce sul fronte destro, e l’attaccante, entra in area, superando Mecca in velocità, e poi batte l’estremo difensore Lopardo, con una conclusione in diagonale, che s’insacca nell’angolo sinistro.

Orsi al 49′ infila il rigore del 3-1

Ma l’esultanza per la rete degli ospiti, dura poco, perchè al 9′ l’arbitro Santoro, punisce un intervento fuori tempo di Petrara, nei pressi della linea dell’area di rigore, con la concessione del penalty. S’incarica di batterlo l’interno Orsi, che fa esplodere il suo destro, infilando l’angolo di sinistra della porta dei materani, e ristabilendo le distanze nello score.

Punizione calciata da Orsi nel PT

Pochi dopo, all’11’, altro allungo della formazione di casa, che in un duetto veloce tra l’incontenibile Orsi sulla sinistra, e il neoentrato Gruosso, vede quest’ultimo, prima divincolarsi del marcatore al limite dell’area di rigore, e dopo, appena dentro l’area, trovare uno spiraglio tra le folte maglie avversarie, e sferrare un gran tiro a giro, che dopo una parabola perfetta, va ad insaccarsi preciso, nell’angolino di destra della porta difesa da Lovicario.

Tiro di punizione indiretta in area, di Plasmati, che s’infrange sulla barriera

La nuova reazione degli ospiti, dopo il tourbillon di cambi, da i suoi frutti solo nel finale, quando al 37′ il generoso Plasmati, spostato più in avanti, serve l’ala Eletto, defilatosi sulla sinistra, che al limite dell’area, opera uno scatto bruciante, riesce a vincere un tackle, con Vaccaro, per poi, dopo aver controllato nuovamente il pallone, infilare il neo entrato Villano, con un diagonale che s’insacca nell’angolo opposto.

L’esultanza ed i fumogeni di fine partita, da parte dei giocatori potentini, vengono mitigati dal profilo basso del proprio entourage, visibilmente soddisfatto dall’andamento del torneo, e dal gioco espresso dall’Under 17, ma realista riguardo all’equilibrio offerto comunque da questo appassionante torneo stagionale. Una classifica difatti che recita, di quattro squadre racchiuse nel fazzoletto di un solo punto, è segno di una competizione legata al filo dell’incertezza, e che contribuisce a rendere più appassionante la stagione. La strada da perseguire comunque, continua ad essere per l’undici minozziano, quella dei ritmi e dell’intensità, senza sguardi eccessivi a calendario ed a posizioni di classifica, strada che finora gli ha permesso di rimanere nei piani altissimi, conquistando quasi a fari spenti, anche la vetta solitaria, tra la gioia dei propri supporters.

Asso Potenza – Invicta Matera 4-2 (2-0)

Asso: 1 Lopardo (12 Villano), 2 Romaniello, 3 Peluso, 4 Rago, 5 Mecca, 6 Vaccaro, 7 Somma (13 Restaino), 8 Orsi, 9 Giganti (20 Loparte), 10 Pasquariello (16 Grande), 11 Santarcangelo (18 Pizzo); Altri in panchina: 14 Corbisiero, 15 Volturno, 17 Pace, 19 Galliano; Allenatore: Mirko Lotito

Invicta: 1 Carulli E. (12 Lovicario), 2 Leone, 3 Perrone D. (13 Nicoletti C.), 4 Albano (16 Carulli S.), 5 Plasmati, 6 Bruno (14 Perrone S.), 7 Petrara (15 De Giorgi), 8 Lasalvia, 9 Salluce (17 Manicone), 10 Di Lecce (18 Nicoletti F.), 11 Eletto; Allenatore: Francesco Stasolla

Arbitro: Francesco Santoro di Potenza

Reti: al 33′ Santarcangelo (A), al 40′ Giganti (A), al 47′ Salluce (I), al 49′ Orsi (A) rig., al 51′ Gruosso (A), al 77′ Eletto (I)

Note: Cielo nuvoloso e clima freddo; Spettatori: circa 100; Ammoniti: Rago (A), Di Lecce (I), Restaino (A)

Lascia un commento