29 Ottobre 2020

Chiarimento definitivo (si spera): resi possibili allenamenti individuali

di Marcello Milazzo

Come nuovamente chiarito, sia dai Faq aggiornati del Ministero dello Sport, sia dalle note della stessa Figc, si è svelato l’arcano, sulla possibilità per associazioni e società sportive dilettantistiche, di poter svolgere o meno, seguendo le linee dell’ultimo decreto, una qualsivoglia forma di allenamento, nel periodo di sospensione dei campionati, per le note vicende pandemia.

“Le sospensioni – chiarisce lo stesso Ministero – sono da riferirsi esclusivamente alle attività ludiche e amatoriali svoltesi al chiuso. Nei centri sportivi e nei circoli all’aperto è dunque possibile svolgere attività motorie e di sport di base in forma individuale nel rispetto del distanziamento e del divieto di assembramento”. Viene quindi meno così, quella nota nella giornata di ieri, da parte dello stesso Ministero, che nel chiarimento del precedente Dpcm, aveva indicato “sospesi gli allenamenti degli sport di contatto”.

Nel contrasto difatti, di alcuni punti rimasti in piedi, tra quello che era stato disposto nel decreto, e la successiva nota esplicativa, è stata necessaria quindi, per la posizione del calcio dilettantistico e giovanile, questa ulteriore nota aggiuntiva, che ha esteso la possibilità di allenamento, purchè all’aperto, in forma individuale, e mantenendosi a tutti i protocolli anti Covid, a tutte le categorie dilettantistiche, dalla Terza Categoria all’Eccellenza, scuole calcio comprese. Almeno il pericolo dell’impigrimento e dell’ingrassamento dei nostri giovani atleti, è scampato, almeno fino a disposizioni contrarie.

Lascia un commento